Istituto Alberghiero Villa Santa Maria
Educazione Civica

EDUCAZIONE CIVICA

Curricolo

La legge 20 agosto 2019, n. 92 introduce l’insegnamento obbligatorio dell’Educazione civica nel primo e nel secondo ciclo d’istruzione per almeno 33 ore l’anno, a partire dall’anno scolastico 2020-2021, nell'ambito del monte orario obbligatorio previsto dagli ordinamenti vigenti, avvalendosi eventualmente della quota di autonomia utile per modificare il curricolo. Le fonti normative (Legge 20 agosto 2019, n. 92, Decreto Ministeriale n.35 del 22 giugno 2020) prevedono l’insegnamento trasversale alle diverse materie, pur con voto unico distinto da quelli delle altre discipline. Nell’art. 2 della legge sopra citata si legge infatti che ‘L'insegnamento trasversale dell'educazione civica è oggetto delle valutazioni periodiche e finali’.

Come si può leggere nelle Linee guida del MIUR ‘L'educazione civica contribuisce a formare cittadini responsabili e attivi e a promuovere la partecipazione piena e consapevole alla vita civica, culturale e sociale delle comunità, nel rispetto delle regole, dei diritti e dei doveri’.

Le Linee guida prevedono le seguenti integrazioni al Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e di formazione

  • Conoscere l’organizzazione costituzionale ed amministrativa del nostro Paese per rispondere ai propri doveri di cittadino ed esercitare con consapevolezza i propri diritti politici a livello territoriale e nazionale.
  • Conoscere i valori che ispirano gli ordinamenti comunitari e internazionali, nonché i loro compiti e funzioni essenziali.
  • Essere consapevoli del valore e delle regole della vita democratica anche attraverso l’approfondimento degli elementi fondamentali del diritto che la regolano, con particolare riferimento al diritto del lavoro.
  • Esercitare correttamente le modalità di rappresentanza, di delega, di rispetto degli impegni assunti e fatti propri all’interno di diversi ambiti istituzionali e sociali.
  • Partecipare al dibattito culturale.
  • Cogliere la complessità dei problemi esistenziali, morali, politici, sociali, economici e scientifici e formulare risposte personali argomentate.
  • Prendere coscienza delle situazioni e delle forme del disagio giovanile ed adulto nella società contemporanea e comportarsi in modo da promuovere il benessere fisico, psicologico, morale e sociale.
  • Rispettare l’ambiente, curarlo, conservarlo, migliorarlo, assumendo il principio di responsabilità.
  • Adottare i comportamenti più adeguati per la tutela della sicurezza propria, degli altri e dell’ambiente in cui si vive, in condizioni ordinarie o straordinarie di pericolo, curando l’acquisizione di elementi formativi di base in materia di primo intervento e protezione civile.
  • Perseguire con ogni mezzo e in ogni contesto il principio di legalità e di solidarietà dell’azione individuale e sociale, promuovendo principi, valori e abiti di contrasto alla criminalità organizzata e alle mafie.
  • Esercitare i principi della cittadinanza digitale, con competenza e coerenza rispetto al sistema integrato di valori che regolano la vita democratica.
  • Compiere le scelte di partecipazione alla vita pubblica e di cittadinanza coerentemente agli obiettivi di sostenibilità sanciti a livello comunitario attraverso l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.
  • Operare a favore dello sviluppo eco-sostenibile e della tutela delle identità e delle eccellenze produttive del Paese.
  • Rispettare e valorizzare il patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni.

 

Le Linee guida prevedono che le istituzioni scolastiche definiscano il curricolo di Educazione civica per gli anni scolastici 2020/2021, 2021/2022 e 2022/2023 indicando traguardi di competenza, i risultati di apprendimento e gli obiettivi specifici di apprendimento.

Con riferimento alle Linee guida si individuano pertanto Obiettivi di apprendimento in termini di conoscenze, abilità, competenze.

 

Conoscenze

 

  • Fonti del diritto e soggetti competenti ad emanarle
  • La Costituzione (principi fondamentali, diritti e doveri dei cittadini, ordinamento della Repubblica)

Principi e diritti fondamentali nella Costituzione, nella Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE, nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, nell’Agenda ONU 2030, con particolare riferimento ai principi democratico, lavorista, di centralità della persona, di solidarietà, di uguaglianza, ai diritti di libertà, al diritto alla salute, al diritto allo studio.

Istituzioni dello Stato italiano (ordinamento della Repubblica)

  • Statuto delle studentesse e degli studenti, Patto educativo di corresponsabilità, regolamenti di Istituto
  • Istituzioni dell’Unione europea (storia, finalità, organi e relative competenze)
  • Obiettivi di sviluppo sostenibile
  • La comunicazione digitale (strumenti, modalità, regole, principali rischi, gestione di dati e informazioni, gestione dell’identità digitale)

 

 Abilità

  • Individuare le peculiarità delle norme giuridiche, distinguendole da altri tipi di regole, comprendendone il valore cogente e le possibili conseguenze in caso di violazione
  • Individuare le principali fonti del diritto, i soggetti competenti ad emanarle, la posizione occupata nella scala gerarchica
  • Individuare la relazione esistente tra i diritti soggettivi (in particolare i diritti riguardanti la libertà, la salute, la sicurezza, l’istruzione) e le norme giuridiche che li disciplinano e li tutelano
  • Comprendere la necessità del rispetto delle regole da parte di ciascuno a garanzia dei diritti di tutti, i principi di reciprocità e solidarietà
  • Acquisire consapevolezza della propria persona come soggetto del diritto; correlare la capacità giuridica, l’imputabilità, la capacità d’agire, alla progressiva acquisizione di diritti e responsabilità
  • Individuare le relazioni tra sfruttamento intensivo delle risorse, cambiamenti climatici, conflitti armati, violazioni dei diritti umani, migrazioni
  • Evidenziare l’interdipendenza tra i fenomeni locali e quelli di portata più ampia, nazionale, europea e mondiale
  • Acquisire consapevolezza della scarsità delle risorse, del concetto di impronta ecologica individuale e collettiva, del concetto di sviluppo sostenibile
  • Acquisire consapevolezza dell’impatto di produzione e consumo di merci e servizi sul pianeta e sulle sue risorse, sulla popolazione, sulle generazioni future
  • Avere coscienza della necessità di fare scelte sostenibili sia come consumatori che come produttori minimizzando l’impronta ecologica
  • Individuare principi e impegni di sviluppo sostenibile in documenti nazionali e internazionali
  • individuare gli strumenti e le tecnologie informatiche funzionali alla comunicazione in rete e, in particolare, alla didattica digitale, le principali regole riguardanti l’uso di tali strumenti, la gestione di dati e informazioni, la gestione dell’identità digitale, la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo.

 

Competenze

  • Perseguire il benessere fisico, psicologico, morale e sociale, a livello individuale e collettivo
  • Cogliere la complessità dei problemi esistenziali, morali, politici, sociali, economici e scientifici e formulare risposte personali argomentate
  • Partecipare in modo informato e consapevole al dibattito culturale
  • Adottare i comportamenti più adeguati per la tutela della sicurezza propria, degli altri e dell’ambiente in cui si vive, in condizioni ordinarie o straordinarie di pericolo, curando l’acquisizione di elementi formativi di base in materia di primo intervento e protezione civile
  • Agire da cittadini responsabili, partecipare pienamente e consapevolmente alla vita civica, culturale e sociale della comunità
  • Essere consapevoli del valore e delle regole della vita democratica anche attraverso l’approfondimento degli elementi fondamentali del diritto che la regolano
  • Orientarsi nel contesto costituzionale e amministrativo del nostro Paese per esercitare diritti e doveri di cittadinanza.
  • Individuare diritti, doveri, responsabilità di lavoratori e datori di lavoro, con particolare riferimento alla normativa sulla sicurezza
  • Esercitare correttamente le modalità di rappresentanza, di delega, di rispetto degli impegni assunti e fatti propri all’interno di diversi ambiti istituzionali e sociali
  • Individuare i valori che ispirano le principali organizzazioni internazionali,  i relativi organi e funzioni essenziali
  • Esercitare i principi della cittadinanza digitale, con competenza e coerenza rispetto al sistema integrato di valori che regolano la vita democratica
  • Compiere le scelte di partecipazione alla vita pubblica e di cittadinanza coerentemente agli obiettivi di sostenibilità sanciti a livello comunitario attraverso l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
  • Operare a favore dello sviluppo eco-sostenibile e della tutela delle identità e delle eccellenze produttive del Paese.
  • Rispettare e valorizzare il patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni.
  • Perseguire in ogni contesto il principio di legalità e di solidarietà dell’azione individuale e sociale, promuovendo principi, valori e abiti di contrasto alla criminalità organizzata e alle mafie.

 

Si intende garantire la trasversalità dell’Educazione civica con  la predisposizione di UDA interdisciplinari previste per ciascun anno di corso.

 

 

 

 

Valutazione

 

La Legge 20 agosto 2019, n. 92 stabilisce che ‘L'insegnamento trasversale dell'educazione civica è oggetto delle valutazioni periodiche e finali’. Come previsto nelle Linee guida, i  criteri di valutazione deliberati dal collegio dei docenti per le singole discipline e già inseriti nel PTOF si integrano in modo da ricomprendere anche la valutazione dell’insegnamento dell’educazione civica. Secondo le Linee guida ‘In sede di scrutinio il docente coordinatore dell’insegnamento formula la proposta di valutazione, espressa ai sensi della normativa vigente, da inserire nel documento di valutazione, acquisendo elementi conoscitivi dai docenti del team o del Consiglio di Classe cui è affidato l'insegnamento dell'educazione civica. Tali elementi conoscitivi sono raccolti dall’intero team e dal Consiglio di Classe nella realizzazione di percorsi interdisciplinari.’ A tal fine i consigli di classe predispongono rubriche/griglie per la valutazione delle conoscenze, delle abilità, dello sviluppo delle competenze relativamente alle diverse UDA interdisciplinari.

 

Link riguardanti l’Educazione civica

  • Portale del MIUR dedicato all’Educazione civica

https://www.istruzione.it/educazione_civica/

 

  • Linee guida per l’insegnamento dell’Educazione civica

https://www.miur.gov.it/documents/20182/0/ALL.+Linee_guida_educazione_civica_dopoCSPI.pdf/8ed02589-e25e-1aed-1afb-291ce7cd119e?t=1592916355306

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.